Chiudi ricerca
Chianti Classico
11 Novembre 2020

Il Chianti Classico è un vino dal colore rosso rubino, ricco di note fruttate e speziate. Prodotto in Toscana, è uno dei vini più eleganti al mondo.

Il vino deve il proprio nome ad un’ampia zona della Toscana: Chianti è il territorio compreso tra le città di Siena e Firenze. Il Chianti Classico rappresenta il vino per eccellenza del vitigno Sangiovese. La produzione di questo rosso straordinario è regolamentata da norme rigide per preservarne la qualità.

Nel 1996, attraverso un disciplinare specifico, venne riconosciuta l’autonomia del Chianti Classico dal Chianti generico. Il Chianti Classico, con denominazione DOCG, viene prodotto in 70 mila ettari di territorio che abbraccia i comuni di Greve in Chianti, Barberino Val d’Elsa, Tavarnelle Val di Pesa e San Casciano in Val di Pesa, Castellina in Chianti, Gaiole, Radda, Castelnuovo Berardenga e parte del Comune di Poggibonsi.

Caratteristiche organolettiche

Il disciplinare stabilisce i valori minimi dei principali parametri del Chianti Classico. Per quel che riguarda le caratteristiche organolettiche, presenta al calice un color rosso rubino, più o meno intenso. Il bouquet olfattivo è fortemente caratterizzato dai profumi del vitigno Sangiovese: regala note florealifruttatespeziate.

La complessità del Chianti Classico ha un’apertura fruttata, di frutti a bacca rossa e nera. È possibile distinguere note di amarena, prugna, mirtillo e mora. Il tutto accompagnato da forti sentori floreali di violetta. Il Chianti classico è un vino strutturato ed armonico e al palato si caratterizza per un sapore secco, a tratti sapido, tannico e pastoso.

I vitigni

Il Sangiovese di qualità superiore è il vitigno principe del Chianti Classico. È presente nel vino in percentuali che possono andare dall’80 al 100%. Per la produzione possono essere utilizzate altre uve a bacca rossa per un totale complessivo del 20%, autorizzati dalla regione Toscana. Tra queste troviamo il Canaiolo, il Colorino, il Cabernet Sauvignon e il Merlot.

Il processo di vinificazione

Anche il processo di vinificazione del Chianti Classico è regolato dal disciplinare del 1996. Quest’ultimo prevede anche la regolamentazione della coltivazione delle vigne. È ammessa la produzione di un massimo di 75 quintali di uva equivalenti a circa 52,5 ettolitri di vino per ogni ettaro. Per quanto riguarda le singole piante, queste possono produrre un massimo di 3 kg di uva e per l’impianto di nuovi vigneti devono trascorre 5 anni dall’ultima vendemmia. Il disciplinare prevede inoltre che i vigneti debbano trovarsi su un’altitudine non superiore a 700 metri s.l.m.

Il Sangiovese è una tipologia di vitigno caratterizzata da acidità e alto contenuto in tannini. Queste due caratteristiche rendono ottimale l’affinamento in legno delle uve. Questo tipo di affinamento, infatti, ammorbidisce le note più pungenti e ne migliora la struttura. Vitigni poi come il Canaiolo Nero e il Merlot attenuano la “ruvidità” del Sangiovese nell’uvaggio del Chianti.

Abbinamenti del Chianti Classico

È il rosso ideale per accompagnare tutti i piatti della tradizione toscana. Perfetto con zuppe a base di verdura e carni rosse alla griglia e al forno.

Resta sempre aggiornato

Resta sempre aggiornato

Chatta con noi
1
Hai bisogno di aiuto?
Ciao!
Possiamo aiutarti?